Le origini della casta

Le origini della casta

15,00 

Descrizione

Il Risorgimento del Malaffare

Gli anni del Risorgimento sono un incredibile susseguirsi di scandali, ruberie, crimini, sperperi. Un nuovo paese viene costruito a forza, strangolando libertà e autonomie. Ci si appoggia alla mafia al Sud, si commissionano delitti al Nord. Poi, per sistemare tutti coloro che hanno partecipato all’impresa, si regalano incarichi, stipendi, gratifiche ad amici e conoscenti. L’Italia che ne viene fuori è un piccolo mostro. E a guidarne i primi barcollanti passi sono uomini senza scrupoli, incapaci, corrotti. I garibaldini per furti e sciupio sono paragonati ai vandali. Garibaldi definisce i parlamentari italiani “epuloni governativi”, e ancora molti anni dopo Salvemini chiama Giolitti il “Ministro della malavita”. Nulla è cambiato. Gli errori commessi allora ci perseguitano ancora oggi, irrisolti. La classe politica è ancora corrotta, la malavita organizzata sempre attiva, sprechi e favoritismi continuano a scandalizzarci, la fama d’inefficienza ci accompagna ovunque. negli anni del Risorgimento la morale si è congedata dalla politica. La corruttela si è fatta sistema, ha impregnato ogni fibra della nuova entità statale, è diventata normale, necessaria; è nata una vera e propria casta, incapace di gestire la cosa pubblica, immorale, avida, intrisa di benefici, e apparentemente inamovibile…

Informazioni aggiuntive

Peso 0,319 kg
Dimensioni 20 × 13,7 × 1,5 cm
Pagine

228

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le origini della casta”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *